Cerca nel sito:

Catanzaro

Imprenditore denuncia
i suoi aguzzini

01/06/2013

La Polizia ha eseguito ieri mattina un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di otto persone accusate di usura ed estorsione. L’inchiesta della Dda non è ancora chiusa. Il presunto capo gestiva gli affari via Skype dai domiciliari.

Imprenditore denuncia 
i suoi aguzzini

In carcere sono finiti Giuseppe Tropea, 36 anni, di Cropani, e Salvatore Macrì, 45, residente a Sersale. Agli arresti domiciliari sono andati: Renzo Tropea, 29 anni, di Cropani; Carmine Tropea, 27, di Cropani; Rosetta Esposito, 37 anni, moglie di Giuseppe Tropea; Domenico Esposito, 35 anni, residente a Sersale e fratello di Rosetta Esposito. L’obbligo di dimora nel comune di residenza è stato imposto nei confronti di Vincenzo Talarico, 61 anni, di Sersale, mentre il divieto di dimora nel comune di residenza è stato disposto per Antonio Talarico, 50 anni, di San Pietro Apostolo. Usura ed estorsione i reati contestati a tutti gli otto destinatari dell’ordinanza. L’aggravante del metodo mafioso viene contestata solo a Giuseppe Troea, Salvatore Macrì, Vincenzo e Antonio Talarico. L’inchiesta non è comunque chiusa. Dalle perquisizioni effettuate ieri mattina dalla Squadra mobile è venuto fuori materiale interessante, che potrebbe spianare la strada verso nuovi provvedimenti cautelari.  

L'articolo completo lo trovate sul nostro giornale