Catanzaro

Imprenditore denuncia
i suoi aguzzini

La Polizia ha eseguito ieri mattina un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di otto persone accusate di usura ed estorsione. L’inchiesta della Dda non è ancora chiusa. Il presunto capo gestiva gli affari via Skype dai domiciliari.

Imprenditore denuncia 
i suoi aguzzini

In carcere sono finiti Giuseppe Tropea, 36 anni, di Cropani, e Salvatore Macrì, 45, residente a Sersale. Agli arresti domiciliari sono andati: Renzo Tropea, 29 anni, di Cropani; Carmine Tropea, 27, di Cropani; Rosetta Esposito, 37 anni, moglie di Giuseppe Tropea; Domenico Esposito, 35 anni, residente a Sersale e fratello di Rosetta Esposito. L’obbligo di dimora nel comune di residenza è stato imposto nei confronti di Vincenzo Talarico, 61 anni, di Sersale, mentre il divieto di dimora nel comune di residenza è stato disposto per Antonio Talarico, 50 anni, di San Pietro Apostolo. Usura ed estorsione i reati contestati a tutti gli otto destinatari dell’ordinanza. L’aggravante del metodo mafioso viene contestata solo a Giuseppe Troea, Salvatore Macrì, Vincenzo e Antonio Talarico. L’inchiesta non è comunque chiusa. Dalle perquisizioni effettuate ieri mattina dalla Squadra mobile è venuto fuori materiale interessante, che potrebbe spianare la strada verso nuovi provvedimenti cautelari.  

L'articolo completo lo trovate sul nostro giornale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi