Migranti: Belgio, veto Roma? In Ue abituati a minacce

Migranti: Belgio, veto Roma? In Ue abituati a minacce

BRUXELLES - "Abbiamo l'abitudine nei negoziati" Ue "a 27 o 28 che ci siano in un momento o l'altro minacce o discorsi muscolari", ma "quel che conta è avere la capacità di assumere responsabilità", perché "è ben più coraggioso prendere decisioni che non prenderne". Così il premier belga Charles Michel a chi gli chiedeva della minaccia dell'Italia di mettere il suo veto alle conclusioni del vertice Ue sui migranti se non verranno accolte le sue richieste.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi