Bulgaria assume a gennaio presidenza di turno Ue

Bulgaria assume a gennaio presidenza di turno Ue

TRIESTE - La Bulgaria assumerà dal primo gennaio la presidenza del Consiglio dell'Unione europea. L'incarico a rotazione durerà come sempre per un semestre, durante il quale la Bulgaria tenterà di migliorare la propria immagine di paese più povero e corrotto del blocco. Sofia punta infatti a dimostrare agli Stati membri che, dopo dieci anni di adesione all'Ue, i tempi sono maturi per il suo ingresso nell'area Schengen e l'avvicinamento all'eurozona. Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione, ha già detto di volere l'inserimento della Bulgaria nell'euro e nel regime di libera circolazione, trovando però la contrarietà di Germania e Francia, preoccupate dall'alto livello di corruzione nel paese.

 

Sofia dovrà ora affrontare il difficile compito di appianare i molti dissidi in atto tra i 28 Stati membri e lavorare al compromesso su questioni calde come le migrazioni e la Brexit. "Lo slogan della presidenza è 'Uniti siamo forti': dobbiamo affrontare i problemi spinosi assieme", ha dichiarato il ministro degli Esteri  Ekaterina Zaharieva, secondo cui i paesi Ue devono "provare la loro solidarietà proteggendo i confini esterni dell'Unione invece di costruire barriere interne al blocco".

 

L'apertura ufficiale del semestre di presidenza è fissata a Sofia per l'11-12 gennaio. Fino a giugno sono in programma circa 300 eventi, fra cui il summit dei capi di Stato e di governo dei paesi membri e dei componenti del gruppo Wb6 dei Balcani occidentali.

 

La Bulgaria, abitata da oltre 7 milioni di persone, ha affrontato una fase di turbolenza dopo la caduta del comunismo. Una relativa stabilità è stata raggiunta con i governi conservatori di Boyko Borisov, che ad aprile è ritornato al potere per il terzo mandato, grazie all'alleanza con gli ultranazionalisti Patrioti uniti. Dal suo ingresso al governo, il partito della destra ha limitato la propria retorica antimmigrazione e adottato posizioni più vicine all'Ue e alla Nato. Nei giorni scorsi, il parlamento di Sofia ha approvato una legge che mira ad aumentare il contrasto della corruzione: una mossa richiesta dall'Ue alla vigilia del semestre. Il presidente Rumen Radev ha tuttavia già reso nota l'intenzione di non firmare il provvedimento.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Tragedia in autostrada, due vittime

Tragedia in autostrada, due vittime

di Emanuele Cammaroto - Pasquale Prestia