Polonia: Ue avvia iter sanzioni, stato diritto a rischio

Polonia: Ue avvia iter sanzioni, stato diritto a rischio

BRUXELLES - La Commissione europea ha fatto scattare - per la prima volta nella storia dell'Unione - la procedura per avviare le sanzioni dell'art.7 dei Trattati, per il rischio di violazione grave allo stato di diritto, in Polonia. Lo annuncia il vicepresidente vicario della Commissione Frans Timmermans, dopo la discussione alla riunione dei commissari. Nel mirino è la riforma della giustizia di Varsavia, che limita l'autonomia della magistratura. Ora starà al Consiglio decidere se andare avanti con l'iter.

 

La Commissione europea ha deciso di deferire la Polonia alla Corte Ue, passando all'ultima fase della procedura di infrazione sul sistema giudiziario ordinario. La decisione arriva assieme all'attivazione della procedura dell'articolo 7, ed è stata annunciata dal vicepresidente della Commissione Ue, Frans Timmermans.

 

"Non ci hanno lasciato scelta", ha detto il vicepresidente vicario della Commissione Frans Timmermans annunciando la decisione di avviare la procedura per le sanzioni alla Polonia, per il rischio di violazione grave allo stato di diritto. Timmermans ha spiegato che la Polonia ha varato "13 misure che hanno messo a serio rischio l'intero sistema giudiziario" che non è più regolato "dalla separazione dei poteri". Negli ultimi due anni "abbiamo fatto tutto ciò che era umano per cercare di trovare un dialogo - ha detto Timmermans -. Provo un senso di frustrazione per non aver raggiunto ciò che volevamo". Con l'attivazione dell'articolo 7 "chiediamo a Parlamento e Consiglio di aiutarci a risolvere il problema, ora anche loro potranno inviare delle raccomandazioni a Varsavia". "Da dicembre 2015 la Commissione ha fatto tutti gli sforzi possibili, con tre raccomandazioni, ed oggi ne inviamo una quarta e numerosi contatti. E siamo sempre aperti al dialogo".

 

Varsavia continuerà ad andare avanti sulla riforma della giustizia, nonostante la decisione odierna di Bruxelles di attivare l'articolo 7 del Trattato contro la Polonia, a causa della violazione dello stato di diritto. Lo ha dichiarato oggi il ministro guardasigilli Zbigniew Ziobro, secondo il quale "si tratta di una mossa politica" di Bruxelles, che cerca di esercitare pressione. La Polonia, ha aggiunto, rispetta lo stato di diritto e le soluzioni che si propone di implementare in questo paese esistono in altri diversi paesi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Natalina tornava dal lavoro

Natalina tornava dal lavoro

di Salvatore De Maria