Reggio Calabria

Abusi ambientali,
sequestrata discarica

Oltre 500 metri quadri dove venivano abbandonati svariati materiali come vecchi elettrodomestici, pneumatici usurati, guaine. Operazione di Guardia costiera e Polizia locale

Nell’ambito delle attività di monitoraggio ambientale, personale militare della Delegazione di Spiaggia di Bianco congiuntamente al personale della Polizia Locale del Comune di Brancaleone, è intervenuto in località Torrente Pantano Piccolo nel Comune di Brancaleone al fine di accertare e verificare eventuali abusi in materia ambientale.
Giunti sul posto hanno rinvenuto una vasta area adibita a discarica abusiva di rifiuti pericolosi e non per un totale di oltre 500 metri quadri composto da svariati materiali, e più precisamente da: vecchi elettrodomestici e parti di essi, pneumatici usurati, guaine (catrame),scaldabagni, recipienti di plastica, di alluminio e suppellettili varie obsolete, mobilio,
materassi, materiale ferroso, calcinacci e materiali di risulta da lavorazioni edili..
L’intera area è stata sigillata e posta sotto sequestro penale dai predetti militari, per violazioni al Testo Unico Ambientale (norme in materia di gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati – Divieto di abbandono) e di deturpamento paesaggistico-ambientale. La stessa è stata affidata in custodia al Dirigente dell’Ufficio Tecnico del Comune di Brancaleone, per l’avvio delle successive attività di bonifica.
L’attività di polizia giudiziaria è stata trasmessa alla Procura della Repubblica di Locri per la convalida degli atti posti in essere.
Le attività di monitoraggio e di controllo disposte e coordinate dalla Direzione Marittima di Reggio Calabria proseguiranno senza soste al fine di garantire il corretto utilizzo del demanio marittimo e dell’ambiente marino-costiero da parte di tutti gli utenti del mare

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi