Guardia Costiera

Recuperato fusto sospetto al largo di Messina

Per recuperare e analizzare un fusto sospetto individuato al largo di Messina (nella zona di Sant'Agata), la Guardia costiera ha chiesto l'intervento degli uomini del nucleo  NBCR dei Vigili del Fuoco (la sigla sta per  Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico)  chiamato a intervenire in situazioni eccezionali, quando ad esempio esiste un fondato pericolo di contagio da sostanze nocive.

Le prime analisi del liquido contenuto nel fusto hanno permesso di escludere la contaminazione nucleare, mentre si sta ancora valutando l'eventuale tossicità del materiale.  

Foto di Alessio Villari

Commenti all'articolo

  • Mikj65

    08 Luglio 2017 - 00:12

    Non si trovava a Sant'Agata ma a Paradiso.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi