messina

Bucate le gomme a 4 auto del Comune FOTO

La Polizia Municipale indaga sull'incredibile gesto avvenuto la scorsa notte. Saranno preziose le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Un gesto che potrebbe dare il senso della tensione crescente, della delusione e della ribellione. Un'intimidazione, un atto di vandalismo, una vendetta, il gesto di uno sconsiderato senza un preciso  scopo. Tutte le ipotesi sono sul tavolo e presto se ne saprà di più.

A bucare le gomme, una o più mani armate di punteruolo e di un coltello. Tagli diversi per azioni diverse con l'unico intento di rovinare quattro auto a disposizione del comune.

Non sono mezzi della polizia municipale, ma di tre uffici del Comune che utilizzano l'area di Palazzo Zanca per posteggiare. Sono macchine dell'ufficio notifiche, dell'ufficio elettorale e atti giudiziari- servizi al cittadino. Adesso toccherà ai dirigenti di quegli uffici fare la denuncia per il danneggiamento alla sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia Municipale.

Questo attiverà anche l'apertura di una indagine da parte della Procura  determinante  anche per poter visionare le immagini che sono state registrate dalle telecamere posizionati attorno al palazzo.

Infatti fa riflettere che le quattro auto, ed due in particolare, sono proprio a due passi dalle telecamere ben visibili sul fronte del palazzo.

Un'auto è addirittura sotto la stanza dove c'è la postazione Zanca della Polizia Municipale dove h24 c'è un vigile urbano di piantone.

Le quattro auto sono posizionate ad una ventina di metri l'una dall'altra. Hanno tutte le insegne del Comune, ma non erano le uniche ad essere posteggiate in quella via. C'era per esempio l'auto privata del vigili che faceva la notte. Ebbene a quell'auto nessuna danno. Alle altre 4 invece gli  pneumatici- parecchio usurati per la verità- sono irrimediabilmente bucati ed a una è stato fatto saltare uno specchietto.

L'autore o gli autori del gesto hanno agito fra la mezzanotte e le 5, quando proprio l'agente di Polizia Municipale di guardia si è accorto di tutto e a fatto scattare l'allarme.

Adesso le indagini faranno il loro corso ma resta il fatto che di notte, uno dei luoghi sensibili della città non può essere abbandonato a sé stesso ed in balia di chiunque abbia qualcosa di cui vendicarsi o abbia solo voglia di fare danno. Le istituzioni abbiano cura di sé stesse per dare sicurezza a chi se l'aspetta da loro , i cittadini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

105 assunzioni al "Piemonte"

105 assunzioni al "Piemonte"

di Marina Bottari