“JOB CENTER”

Cosenza, inflitte undici condanne alla ditta dello spaccio

Cambia il verdetto di Candido Perri al quale è stata riconosciuta l’aggravante dell’associazione mafiosa

I giudici della Corte d’appello di Catanzaro hanno confermato le condanne di primo grado del processo “Job center” scaturito dall’inchiesta coordinata, a suo tempo, dal pubblico ministero Salvatore Di Maio. Inchiesta, che ha fatto luce sulla un’articolata rete di spaccio di sostanze stupefacenti con base nel centro storico e ramificazioni in tutto il territorio dell’area urbana. Il secondo grado di giudizio ha visto aggravare la posizione di candido Perri, condannato a sei anni, in virtù del riconoscimento dell’aggravante dell’associazione delinquenziale. Contingenza, che i precedenti giudici avevano scartato. Al cinquantunenne, in primo grado, era stato riconosciuto solo il reato di spaccio ed era stato condannato a due anni.

La pena più alta, tredici anni e quattro mesi, comunque è toccata a Celestino Abbruzzese, di quarantuno anni (fratello di Luigi e Antonio, ritenuti dalla Dda i vertici della spietata organizzazione di ’ndrangheta degli zingari) indicato come il capo di una vera e propria azienda con turni di lavoro e stipendi fissi mensili. Otto anni, dieci mesi e venti giorni sono stati inflitti invece a Marco Paura, di ventotto anni. L’uomo, subito dopo l’arresto ha scelto di collaborare con la giustizia entrando, così, nel corposo elenco dei pentiti di ’ndrangheta del capoluogo bruzio.

Leggi l'intero articolo nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi