Il caso

In fuga dall'Isis:
le donne siriane
si tolgono il velo

Una donna si libera del velo nero che la copriva e lo lancia via al vento. E' l'immagine simbolo immortalata da un fotografo freelance e in alcuni video pubblicati dal Daily Mail online

Una donna si libera del velo nero che la copriva e lo lancia via al vento. E' l'immagine simbolo immortalata da un fotografo freelance e in alcuni video pubblicati dal Daily Mail online che ritraggono alcune siriane fuggire dalle zone sotto il controllo dei jihadisti dello Stato Islamico, mentre si apprestano ad entrare nelle aree liberate dai curdi vicino la città di Rojava. E' una "scena incredibile", scrive il quotidiano britannico che mostra nel video la gioia di queste donne riuscite a sottrarsi alle persecuzioni religiose imposte dai tagliagole del Califfo. "Queste donne sono fuggite dalle aree controllate dall'Isis e una volta raggiunte le regioni in mano ai curdi riescono a respirare il profumo della libertà, liberandosi dal burqa", ha raccontato il fotogiornalista freelance Jack Shahine che ha scattato le fotografie. A girare il video - precisa il Mail - è stato invece Shervan Derwish, portavoce ufficiale della 'Euphrates Volcano Operation Room', un cartello che raggruppa le milizie siriane anti-Isis. Alla gioia di queste donne siriane si contrappone la paura per quelle che vivono a Derna in Libia, dove i jihadisti dello Stato Islamico intendono imporre loro il 'niqab', il velo islamico che copre tutto il volto lasciando scoperti solo gli occhi. Secondo alcune fonti libiche l'Isis avrebbe infatti distribuito volantini invitando ad indossare il velo e avrebbe chiesto ai padri di famiglia di impedire alle loro mogli e figlie di uscire senza questo tipo di copertura islamica. I volantini indicano una scadenza di una settimana per applicare la direttiva per evitare "punizioni", viene aggiunto, senza precisare meglio le misure punitive

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi