Miss Italia

Ecco le foto
delle 4 calabresi

Accanto a Miss Calabria, la reggina Anna Claudia Romeo, 25 anni, ci sono Cinzia Policastri, 18 anni, di Corigliano; Alessia Reda, 18 anni, di Rende; la lametina Caterina Buffone, 21 anni, studentessa.

Sono 101 le bellissime tra le quali il 10 settembre sarà scelta la nuova Miss Italia, che prenderà il posto della reggina Stefania Bivone. 
Saranno 42 le concorrenti che prenderanno parte alla prima diretta di Miss Italia, il 9 settembre, su Raiuno. Ventuno concorrenti sono al sicuro, sono le miss regionali che sono state scelte nelle piazze italiane. Le altre 21 verranno scelte tra 80 miss che hanno superato la selezione della commissione tecnica.
Nutrita la pattuglia di finaliste siciliane e calabresi.

Quattro le finaliste per la CALABRIA. Accanto a Miss Calabria, la reggina Anna Claudia Romeo, 25 anni, fresca di laurea in medicina con 110 e lode e prossima agli studi di specializzazione in oculistica e pediatria, ma anche sportiva di valore, ci sono Cinzia Policastri, miss Deborah Milano Calabria, 18 anni, di Corigliano, futuro avvocato ma anche appassionata di calcio; Alessia Reda, miss Miluna Calabria, 18 anni, di Rende, diplomata in ragioneria e iscritta alla facoltà di Economia, però anche amante di musica e canto; la lametina Caterina Buffone, miss Ragazza in Gambissima Luciano Barachini Calabria, 21 anni, studentessa.

 

MISS ITALIA: SONO QUATTRO LE FINALISTE CALABRESI
  "Semplici, calorose, e senza invidia per le altre": sidefiniscono così le quattro ragazze della Calabria in gara allefinali del concorso nazionale. "Siamo davvero un bel gruppo - dice Alessia Reda - forse perché condividiamo gli stessi valori, le stesse abitudini di vita e veniamo da famiglie che, più o meno, pensano allo stesso modo. Tra di noi non c'é competizione, anche perché l'anno scorso nessuna ragazza calabrese, a parte Stefania Bivone che poi ha vinto il titolo, era arrivata in finale: esserci in tre è già una vittoria. Credo che anche le miss della Puglia, siano un gruppo bellissimo: anche durante le prefinali, pur conoscendoci da tregiorni, ci ritrovavamo la sera nella stessa stanza a parlare. E' inutile, le ragazze del Sud sono più aperte e socievoli rispetto a quello del Nord".   "Quando abbiamo qualche minuto libero - dice CatarinaBuffone - guardiamo insieme Facebook, commentiamo i post e lefoto che gli amici e le persone che ci seguono mettono sui nostri profili. Non siamo abituate a tutte queste attenzioni, aiservizi fotografici, ed è tutto molto bello". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

i più letti di oggi