sottrazioni

Un addio

Un addio

Non c’è niente di terribile

nell’analisi di una sottrazione.

Basta polverizzare un gesto

una fonte di luce, per sapere

che ogni negazione di sé

è un’appropriazione. Il sangue

che nasconde la ferita è il vero

padrone del tormento. La piaga

brucia per un fuoco non suo.

Né si può aprire e chiudere

il dolore come se fosse

una porta:  non è calcolo

che puoi imparare a memoria.

Quello che una volta

sei riuscito  a trattenere

ora devi lasciarlo andare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi