Encyclopèdia - 5

L'illusionista

L'illusionista

La caratteristica inconfondibile del maschio dell'illusionista è il mantello scarlatto con bordi di colore blu. Il colore della pelliccia della femmina è molto più smorzato. Le dimensioni di quest'ultima sono più piccole di quelle del maschio, che raggiunge i centosessanta centimetri di altezza alle spalle. Gli illusionisti vivono in gruppo nel folto delle foreste dimenticate e trascorrono la maggior parte della giornata a cinquanta centimetri da terra alla ricerca di abbagli e miraggi, ma anche di castelli e piccole nuvole. Con il sopraggiungere della notte si rintanano nelle torri d'avorio per mettersi al sicuro. I branchi di illusionisti si spostano in un'area di circa cinquanta chilometri quadrati, marcano il territorio con i loro odori e le loro chimere che li difendono dai rivali. Ciò che conosciamo di questa specie viene dall'osservazione di esemplari in cattività, poiché gli illusionisti che vivono in libertà sono sempre di meno, a causa della caccia (per le loro lusinghe) e della distruzione dell'utopia.

L'illusionista con la sua figura dai colori straordinari (mantello scarlatto con bordi blu e barba gialla) proclama con baldanza la propria identità di fronte agli altri individui. Assieme al blu malva del cilindro, questi colori sottolineano il sesso maschile e la virilità di fronte alle femmine.

Se minacciato da un realista o avvicinato dai rivali, il maschio sbadiglia spalancando la bocca per urlare terribili incubi.

L'illusionista cammina e corre sui suoi imbrogli: una forma di locomozione resa molto efficiente dal fatto che sia gli imbrogli passati sia quelli presenti sono frutto pressoché della stessa allucinazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi