La vendetta dei ragionieri

Quando il poeta va al macello

Quando il poeta va al macello

... tutti pigliano il coltello.

 

Finalmente. Non ne potevamo più. Dai, diamogli una bella lezione. La lezione definitiva. Quella che non si dimentica. In fondo è stato facile. Abbiamo dovuto solo aspettare. D'altra parte non poteva continuare così per sempre. A guardarci dall'alto in basso. Sempre con la testa fra le nuvole. Preso solo dalle sue poesie. Fottendosene di tutto il resto. E no, caro mio, te l'insegniamo noi Cosa sono le nuvole.

Come quel Dylan Thomas che non aveva mai pagato le tasse. Ahahahah! Lo abbiamo perseguitato e ossessionato per tutta la vita. Abbiamo costretto sua moglie Caitlin a raccogliere molluschi sulla spiaggia di Laugharne per campare. E portato lui a diventare un alcolizzato. Fino a che il delirium tremens ha fatto il resto. Ha resistito trentanove anni. Anche troppi. Con lui abbiamo fatto proprio un buon lavoro. E dire che s'erano messi di mezzo tutti quegli altri fannulloni come lui. Avevano aperto una sottoscrizione in suo favore. Patetici.

Noi pretendiamo sempre di più da chi non può permetterselo. Vogliamo la resa totale. Incondizionata. 'Sti svitati! 'Sti smidollati! Vogliamo più rispetto, cazzo! 'Sta gente deve imparare a vivere nel nostro mondo. Un mondo fatto di gerarchie e non di anarchie. Un mondo dove ci sono le classi sociali, grazie a Dio, dove non siamo tutti uguali. Dove non può arrivare il primo Dylan Thomas qualunque a "conversare con ciascuno di noi, disperato e ilare, candido e perverso, raffinato e barbaro". Cazzo, fin dove può arrivare l'impudenza di questi poeti!

Che soddisfazione, allora, quando scopriamo lettere come questa:

"Questo è di nuovo un brutto momento per me e non posso comprare il francobollo per la lettera. Non ho un solo penny, o un mezzo penny, né una vecchia moneta francese. Senza fumo e senza pane, abbiamo dinanzi a noi un brutto week-end. Aspettiamo scellini che non abbiamo diritto di aspettarci. Amara, crudele Laugharne; la mia pipa è piena di cicche tolte dalla grata, il tavolo è gremito di finali morti di poesie, ho la testa piena di assurdità. Il sole sta splendendo sul fango; mia moglie è fuori in cerca di molluschi".

Ma ora basta con 'ste cazzate. Sono iniziati gli sconti. Usciamo a fare compere!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi